Kubernetes Operations… ci piace!

Come sai siamo Amazon Consulting Partner, e seppur AWS ha annunciato Fargate e l’integrazione su ECS di Kubernetes,
volevamo anche uno strumento per il deployment dei nostri cluster che ci desse comunque un minimo di gestione e di libertà.

Kubernetes Operations è uno dei tanti progetti che si è messo in luce per la creazione e l’automatizzazione di cluster con focus iniziale proprio su AWS.

Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla sua facilità e dall’adattabilità al mondo AWS, dai bilanciatori ELB fino ai volumi EBS.

Con un “semplice comando”

Siamo in grado di creare un cluster privato in HA, su multiple AZ dietro SSH Bastion con stato persistente e salvato su S3.

La ciliegina sulla torta, è il supporto a Terraform che tramite gli switch

permette di generare un template terraform, con cui usare i classici comandi

per il dry-run e

per applicare le modiche.

In ideato, avendo abbracciato da tempo i principi di Infrastructure as Code, abbiamo deciso di usare Terraform perché ci mette in grado di fare versioning, mantenere e consegnare al cliente il codice infrastrutturale del suo cluster ed ora, grazie a Kubernetes Operations, tutto questo è ancora più semplice da gestire.