Symfony Day: il nostro punto di vista

sf day logo small

La scorsa settimana siamo stati docenti, speaker e pubblico al Symfony Day, conferenza italiana itinerante dedicata al framework PHP, quest’anno a Milano presso l’auditorium Marinotti dell’Università degli studi Milano-Bicocca.

Giovedì, il giorno prima della conferenza, Riccardo, Michele e 14 volenterosi sviluppatori si sono “sporcati le mani” con CQRS/Event Sourcing. Una full immersion di 8 ore sull’argomento, dove oltre alla teoria s’è dato spazio a numerose esercitazioni pratiche.

La mattina successiva abbiamo raggiunto di buon’ora l’auditorium e ci siamo accaparrati i posti in prima fila, così da godere di un punto di vista privilegiato del palco, dove a turno sono saliti amici e speaker, tra cui Ettore e Simone.

Il primo talk parte lentamente e migliora man mano. Samuele e Matteo di Madisoft, lo speech era di coppia, parlano di BDD e di come utilizzare al meglio Behat. Talk ricco di spunti interessanti, con una bella spiegazione iniziale utile ad allineare tutta la platea della conferenza.

Pausa caffè nell’edificio di fronte e si riprende con quello che forse è stato il talk migliore della giornata: “Biglietti prego! A ticket for the (command) bus” di Francesco Face è un talk strutturato a stagioni ed episodi come una serie tv, ha fatto appassionare la platea dei due personaggi in campo, ha spiegato bene l’argomento e ha fornito esempi semplici e leggibili… ma soprattutto ha citato Aggile Giggi, che prontamente su Twitter ha risposto all’appello.

punto di vista sui controller (agile gigi)

 

Symfony without bundles

Arriva il momento di Ettore e, forse, dell’argomento più spinoso della giornata. Utilizzare Symfony senza bundle si può e lo sappiamo, ma fino a che punto possiamo spingerci? Quanto è utile e quanto invece è un vincolo accoppiare il nostro codice al framework? Queste le domande a cui Ettore ha cercato di rispondere, suscitando non poche riflessioni nella platea e più di una domanda a fine talk.

Dopo di lui il pranzo, ancora nell’edificio di fronte e purtroppo in piedi, con un buffet in cui non è mancata la fila all’italiana (a cuneo) che ha reso il tutto più confusionario del dovuto.

Il primo talk del pomeriggio è stato affidato ad un veterano del palcoscenico, nonché presidente del PUG Roma, Massimiliano Arione. “Disinstallare FOSUserBundle e vivere felici” ha tutte le premesse per essere un ottimo talk ma la mancanza di una parte pratica smorza l’entusiasmo della platea.

 

Symfony cache component

Tocca ora a due Simone. Simone Di Maulo sale per primo con un bellissimo talk ricco di spunti pratici e live demo. In “Reliable service integration” ha mostrato l’integrazione tra un servizio esterno e Symfony, migliorando gli aspetti solitamente critici come affidabilità ed esperienza utente.

Simone D’Amico invece parla di “Symfony cache component“, partendo da una panoramica dei sistemi di caching e finendo con un case study di un nostro progetto, molto apprezzato dal pubblico della conferenza, che in generale nell’arco della giornata ha mostrato molto interesse per gli spunti pratici e il codice, più che alla sola teoria.

Ultima pausa della giornata, una boccata d’aria necessaria, e si ritorna dentro l’auditorium per gli ultimi due talk.

 

Ultimo giro, ultima corsa

Gabriele Martini mette la platea davanti un fatto interessante: gli strumenti front-end legati a Symfony non si sono evuluti con la stessa velocità del “resto del mondo”. Come fare quindi a svecchiare la tool-chain?
Le sue proposte sono principalmente due, il framework Vue.js e la libreria webpack Encore, incastonate in un discorso fluido e ben fatto.

A chiudere la giornata Oscar Fanelli, attuale presidente del PUG Milano, che ha supportato il GRUsP nell’organizzazione di questo evento. A conclusione della conferenza un argomento a noi molto caro: CQRS e Event Sourcing.
Anche Oscar mostra molti esempi pratici, utili soprattutto quando l’applicativo si rompe e dobbiamo isolare le problematiche. Ottimo talk che ha mantenuto tutti vigili nonostante l’orario e la stanchezza.

Come sempre, il Symfony Day non si smentisce!